Menu

userImg showBgrSwitcher

Sfondo creato da

userImg

Grazie!

Menu

La storia di Paul ed Alice, la MINI Cooper

Ed eccomi: il funzionario doganale agita davanti a me un documento giallo. A giudicare dal pulsare della sua carotide, mi sembra prossimo ad esplodere. Io non capisco neanche una parola, ma mi piace il modo in cui gli argentini arrotano la “R”.

Antefatto. Mi chiamo Paul e a Monaco conducevo una vita più o meno normale. Diploma tecnico praticamente in tasca, quasi 21 anni, buone prospettive di lavoro. Ulteriori particolari della mia vita: un appartamento alla periferia di Monaco con un piccolo giardino, futura carriera da impiegato in azienda e una familiare blu appartenente al segmento premium in garage: insomma tutto come da copione. E invece accade qualcosa ed ecco perché ho deciso di scrivere qui.

Alice the Cooper
Alice, la Cooper: dal sito tedesco di vendita di auto usate alla nave che porta in Argentina

Una volta terminati gli studi, mi è venuta improvvisamente un'idea: volevo visitare il Sudamerica, almeno una volta nella vita, a bordo di una MINI. “Con un fuoristrada sono capaci tutti”, ho risposto ai miei amici quando mi hanno chiesto perché. Senza esitare, ho prenotato il trasporto della macchina su una nave da Amburgo a Buenos Aires. Quando però la compagnia armatrice mi ha chiesto il numero di telaio della vettura, si è palesato il vero problema: non possedevo ancora nessuna MINI. Eppure nei miei pensieri era già molto concreta: doveva essere rossa, il colore più adatto per il Sudamerica, una Cooper e naturalmente cabrio; perché una decappottabile è ancora più da pazzi e perché senza tetto si possono osservare molte più cose. E infine l'ho trovata, online. Bellissima, anche se con molti chilometri. Dopo il giro di prova, me ne ero già innamorato, ma non potevo portarla subito via con me: “Ho ancora bisogno della MINI, per le prossime 2 settimane” mi comunicò il proprietario. Accidenti, il tempo che mi separava dall'imbarco era davvero pochissimo.

Alice the Cooper
Grande vivacità: la capitale argentina tra giocoleria, sport e vetture ferme in coda

Due settimane più tardi: “Ce la facciamo ad arrivare al porto per le 8?” Il mio compagno di viaggio non reagì alla mia domanda. Guidava da circa un'ora, con un orrendo ghigno in volto e non accennava a spostarsi dalla corsia di sinistra. “188 km/h! Posso fare ancora meglio!” In genere, già superare i 100 km/h rappresentava per lui un'impresa temeraria. Ce la faremo! All'ultimo minuto, la mia MINI veniva caricata sulla nave: il viaggio poteva finalmente avere inizio.

Alice the Cooper
Impantanati nel traffico: con il tetto aperto, ad ogni incrocio, subito immersi in una trattativa di vendita

E dunque eccomi. Chi avrebbe pensato che la mia avventura cominciasse, o magari invece finisse, con questo signore alla dogana argentina, che continuava ad agitare il documento giallo davanti a me. Fortunatamente ecco arrivare Gabi, la mia broker doganale. Dopo aver ricevuto prima un bacino e poi anche il documento mancante, il funzionario sembrò subito ammansirsi, proprio come un cane che abbaia e che viene richiamato con un fischio dal padrone per correre a prendersi un “biscottino”.

Alice the Cooper
Buenos Aires: città con milioni di abitanti ed edifici imponenti, molti cani e qualche MINI
Alice the Cooper
Porto di Buenos Aires: giramondo tedeschi posano insieme alla fidata compagna di viaggio, agghindata con i disegni delle varie destinazioni

Partii e mi trovai subito immerso in un flusso di luci statiche. Ora di punta a Buenos Aires. 2 ore e mezza e 2 litri di sudore dalle mani dopo, ero finalmente riuscito a percorrere i 10 km che mi separavano dal mio amico Pablo. Quella prima uscita con la MINI in Sudamerica mi aveva sfinito. Ma Pablo sapeva esattamente cosa fare: da dietro un armadio tirò fuori una buona bottiglia di whisky. Prima di andare a letto, feci un altro giro a bordo della mia fidata compagna. Incredibile, ce l'avevamo fatta! Davanti a noi una distesa di asfalto rovente, curve pericolose e paesaggi mozzafiato: quanto bastava per l'avventura della mia vita. “Buona notte”. Diedi ancora qualche colpetto sulla parte posteriore della mia MINI e andai a dormire.

Condividi

facebook
googlePlus
pinterest
stumbleUpon
E-Mail
Separa più indirizzi e-mail con una virgola.

Commenti (4)

Yorman Arley Giraldo O

scritto da Yorman Arley Giraldo O | 17.06.2012 19:44

Muy agradabele tu historia, me ha dejado una gran sonrisa. Saludos desde Colombia. Yo también amo a MINI.

Marcos Vicente Reis Junior

scritto da Marcos Vicente Reis Junior | 23.05.2012 19:02

this german guy knows how to live... =)

OriginalCrazyhH

scritto da OriginalCrazyhH | 23.05.2012 17:40

Love this story and cannot wait to hear more on the journey... As I drive to work today (in my red convertable Cooper S with top down) will be thinking of Paul cruising where no Mini has been before....

Jordi Batlle Suñé

scritto da Jordi Batlle Suñé | 23.05.2012 17:18

Very crazy and interesting adventure. Wish you the best, dude! :)

14 albe, stagione dopo stagione: con il tetto abbassato, dall’inverno all’estate

21. agosto 2014
14 Sunrises Through the Seasons: Top Down Daybreak Drives from Winter to Summer

Il fotografo David Chang insegue l'alba estiva, immortalando splendidi paesaggi al sorgere del sole. Ripercorri le stagioni dal sedile posteriore della sua MINI Cabrio.

L’icona in 1077 Pezzi: Presentazione della Mini Classic LEGO®

25. luglio 2014
Build Your Own Icon in 1077 Tiny Elements: Introducing the LEGO® Classic Mini

Scopri come costruire una Mini Classic partendo da zero, senza essere un meccanico esperto.

Grande Vittoria di una MINI “fai da te”: Pilota non Professionista vince in Costa Rica

04. agosto 2014
DIY MINI Race Car Wins Big: Watch An Amateur Racer Steal The Show

Chris Wilson, nativo di Nottingham, ha preso una MINI dal carrello di uno shop online e l'ha portata sul podio più alto. Scopri qui come ha fatto.

Mini Classic a Berlino: Arte e Avventura con Amrei Andrasch

14. agosto 2014
Classic Mini in Berlin: Art and Adventure with Amrei Andrasch

Amrei Andrasch è un'artista che lavora a Berlino e dà vita alla carta realizzando sculture e animazioni. Continua a leggere e scopri di più sul suo lavoro e su come la sua Mini Classic riempie le strade di Berlino di libertà e divertimento.

MINI Space Chiede: Cosa c’è nella Tua MINI?

30. luglio 2014
MINI Space Asks: What’s In Your MINI?

Dal 1959 i MINI driver stipano nelle loro auto sorprendentemente spaziose una straordinaria varietà di oggetti. I fan MINI utilizzano poi i social media per condividere gli insoliti carichi delle loro auto: vi presentiamo quindi alcuni tra i nostri scatti preferiti.

Dezeen and MINI Frontiers: Gli Avatar Automobilistici di Matthew Plummer-Fernandez

29. luglio 2014
Dezeen and MINI Frontiers: Automotive Avatars with Matthew Plummer-Fernandez

Il designer Matthew Plummer-Fernandez guarda al futuro delle interfacce software e immagina avatar 3D personalizzati che cambierebbero per sempre il nostro modo di interagire con le auto.