Menu

userImg showBgrSwitcher

Sfondo creato da

userImg

Grazie!

Menu

TROVATO: Gli eccentrici camion transformer giapponesi.

Distributori automatici di strani intrugli a base di noodle e ingredienti misteriosi dal sapore sconosciuto... ai nostri occhi occidentali, il Giappone appare come qualcosa di totalmente nuovo. Ma, oltre alle luci scintillanti di Tokio, alle mode stravaganti e ai tagli di capelli eccentrici e scolpiti, esiste una corrente culturale decorativa completamente diversa: il dekotora.

Noto anche come “Art Trucks”, il dekotora è una corrente culturale nata nel paese del Sol Levante che consiste nel decorare i camion utilizzando neon e luci a raggi ultravioletti, vivaci decorazioni ad aerografo e lucenti esterni in acciaio inossidabile o dorati. Con interni ispirati al lusso più sfrenato o ai casinò di Las Vegas, sui camion non mancano preziosi lampadari e rivestimenti in velluto.

In Asia esistono diverse correnti decorative dedicate ai camion (ad esempio i Jeepny nelle Filippine) ma questi veicoli giapponesi sono proprio unici nel loro genere. Gli autisti spesso spendono centinaia di migliaia di yen e impiegano anni a trasformare i propri camion in opere d'arte, pur rimanendo veicoli che trasportano quintali di pesce essiccato in tutta la campagna giapponese. Si spostano di città in città illuminati come alberi di Natale ed è come ascoltare “We Don't Need Another Hero” di Tina Turner in discoteca: impossibile resistere! Violenza di strada? Una festa su strada, piuttosto.

Dekotora in all their glory

Il dekotora trae ispirazione dai film giapponesi di serie B a budget ridotto degli anni '70, incentrati sulla vita dei camionisti. Il primo della serie, “Truck Guys”, raccontava delle avventure di un camionista che, alla guida del suo semirimorchio decorato in modo stravagante, andava su e giù per il Giappone.

La popolarità di “Truck Guys” ha favorito la diffusione di altri 10 film sul dekotora (scritti e diretti da Norifumi Suzuki), che conquistarono i cuori e gli animi dei camionisti solitari di tutto il Giappone. Si tratta di una tendenza tutt’ora viva: il dekotora compare nei videogame, nei giocattoli, nelle riviste giapponesi e alla TV.

Co-Pilot Maggy Stoody with Host Elliott in the MINI Coupé

La nostra missione ALL THE WRONG PLACES ci ha portato a incontrare alcuni dei precursori di questa tendenza: i membri dell'Utamorokai Dekotora Club. Visita la gallery e ammira i loro camion ispirati ai transformer. Dei camionisti americani si dice che spendano il loro denaro in bibite e berretti da baseball. I camionisti giapponesi, invece, investono il proprio stipendio in lucenti dettagli cromati, luci neon e decorazioni per carrozzerie.

Questi camion sono eccezionali...

Clicca una immagine per lanciare la galleria immagini (19 image)

Link esterni:

ALL THE WRONG PLACES su Facebook
ALL THE WRONG PLACES su YouTube.
MINI su Facebook
MINI su YouTube
VICE.com

Episode 1: Gli eccentrici camion transformer giapponesi.
Episode 2: i Taxi Hit Squad del Sudafrica
Episode 3: La danza delle forbici in Perù
Episode 4: Viaggio on the road nelle micronazioni svedesi

Condividi

facebook
googlePlus
pinterest
stumbleUpon
E-Mail
Separa più indirizzi e-mail con una virgola.

Commenti (1)

Clara Blondeau

scritto da Clara Blondeau | 12.02.2012 17:44

very good ,j adore ta video japon kissssss

Infografica: Come preparare una MINI al rally

16. dicembre 2014
Infographic: How to Get a MINI Ready to Rally

Guarda da vicino una MINI ALL4 Racing e scopri cosa serve per metterla a punto affinché sia in grado di affrontare le diaboliche dune del Rally Dakar.

Rally Dakar 2015: Giusto il Tempo di Riprendere Fiato

13. gennaio 2015
015 Rally Dakar: Barely time to catch your breath

La metà dei 9000 km della Dakar 2015, che si svolge nel cuore del Sud America, sono dietro le spalle. Per i concorrenti, la ricompensa è un giorno di riposo. Ma si sbaglia di grosso chi crede di poter poltrire. Nel rally più duro del mondo, non c'è tempo per queste cose.

La MINI Toglie dai Guai in: “Cura Contro il Comune Pendolarismo”

23. gennaio 2015
MINI Saves the Day in: “Cure for the Common Commute”

Il traffico nuoce a molti, ma è sicuramente utile per produrre fantastici sogni ad occhi aperti. Anna Dulin, designer e MINI driver di recente data, proveniente da Houston, dà vita a una fantasia molto comune tra i pendolari. Guarda un po' qui.

Dakar 2015: Alla Conquista del Deserto in Slow Motion

14. gennaio 2015
Dakar 2015: Alla Conquista del Deserto in Slow Motion

Scalare le dune non è certo un hobby e il Team X-Raid, a bordo della MINI ALL4 Racing, ha avuto il suo bel da fare per affrontare il percorso del Rally Dakar 2015. Continua a leggere per vedere in esclusiva le evoluzioni in questo mare di sabbia.

The MINI Story: Intervista Esclusiva All’artefice Dell’esposizione

19. dicembre 2014
The MINI Story: An Exclusive with the Man Behind the Exhibition

Alla nuova esposizione temporanea del BMW Museum a Monaco di Baviera sono in mostra 30 affascinanti veicoli originali, piccoli pezzi da esposizione, e un emozionante background di storie sul marchio MINI. Il curatore Andreas Braun accompagna MINI Space in un'esclusiva visita guidata alla scoperta dei tesori dell'esibizione.

Rally Dakar 2015: Quarta Vittoria Consecutiva della MINI

19. gennaio 2015
Rally Dakar 2015: Fourth Consecutive Win for MINI

Ce l'ha fatta! Dopo aver percorso oltre 9000 chilometri attraverso il Sud America, Nasser Al-Attiyah ha vinto il Rally Dakar 2015 con la MINI ALL4 Racing. Per la quarta volta consecutiva, la MINI vince il rally più difficile del mondo.