Menu

userImg showBgrSwitcher

Sfondo creato da

userImg

Grazie!

Menu

MINI ai BEO 2012: conosciamo gli atleti che partecipano ai Burton European Open 2012 e la campionessa olimpica Kelly Clark – Mount Snow Academy e la strada per diventare professionisti

Presi dall'emozione dei Burton Global Open Series, noi di MINI Space ci siamo chiesti: come si fa a diventare dei veri professionisti? Ben presto ci siamo resi conto che nessuno del nostro team aveva mai provato un Cab 720 su un superpipe e abbiamo pensato che fosse meglio andare subito alla fonte per trovare una risposta. In apertura al nostro servizio sui Burton European Open di Laax, in Svizzera, abbiamo posto la stessa domanda a Kelly Clark, partecipante ai Burton, oro olimpico e driverdi una MINI Countryman, e ad alcuni altri ex studenti della Mount Snow Academy, situata nel pittoresco paesino di Dover nel New England, Vermont.

Mount Snow Academy
© Mount Snow

Per la maggior parte di noi, il concetto di “scuola superiore” riporta alla mente il rumore degli armadietti, gli strani odori provenienti dalla mensa e le noiose lezioni di un pallido professore di economia.

Ma non per tutti. Per la celebre atleta Kelly Clark le lezioni si svolgevano indossando l'attrezzatura da neve, con in sottofondo il rumore di una seggiovia in funzione e avvolta dalla tipica aria frizzante di montagna. L'unico elemento che ci accomuna con i bimbi del campo di allenamento di Kelly, la Mount Snow Academy, è l'ansia con cui si attende una nevicata. In questa piccola scuola, nascosta tra le tranquille colline, generazioni di studenti hanno affinato la propria tecnica sulle piste per diversi decenni, e i risultati si vedono.

Mount Snow Academy
© Thomas O'Hara

Per qualcuno sfoggiareun oro olimpico in bacheca potrebbe rendere egocentrici ma Kelly è una persona tranquilla e con i piedi per terra. Secondo lei, l'elemento fondamentale del suo successo è il rigoroso allenamento alla Mount Snow Academy ma riconosce il valore di vivere in una piccola realtà, in un'atmosfera familiare, dove ha sempre potuto trovare sostegno e incoraggiamento.

“Il punto di forza della MSA era l'insegnamento personalizzato”, ci svela Kelly. “Era adatto al mio stile di apprendimento e mi ha aiutata a portare a termine i miei studi, che mi hanno consentito di concentrarmi al massimo sullo snowboard.” Secondo la direttrice della Mount Snow Academy Lynne Sullivan, “È una vera comunità. Il nostro obiettivo è la crescita della persona, non solo dell'atleta.”

Clicca una immagine per lanciare la galleria immagini (8 image)

Mount Snow students in action.

Lynne è la direttrice didattica che ogni genitore desidererebbe. Ha diretto la MSA negli ultimi 30 anni, poco dopo la fondazione dell'istituto nel 1978. Oltre a Kelly Clark, molti altri ex allievi della MSA sono sotto i riflettori, tra i quali Devin Logan e Parker White per lo sci e Dillon Wilson e DJ Torroni per lo snowboard, mentre altri stanno cercando di qualificarsi ai giochi olimpici 2014. Nel caso questo elenco di brillanti ex studenti non fosse sufficiente, Lynne ha anche allevato otto figli, sette dei quali maschi. Se le chiedete qual è stato il suo più grande successo, vi dirà senza esitare “Non vorrei sembrare ipocrita, ma onestamente ognuno dei miei studenti è un successo per me. Da questa scuola sono usciti atleti eccezionali, ma noi della MSA crediamo che la nostra missione sia formare l'individuo nel suo complesso. Alcuni dei nostri studenti diventano medici o avvocati,altri diventano professionisti degli sport invernali. La nostra priorità è insegnare ai ragazzi come dare il meglio di sé. E se il podio olimpico è il loro obiettivo, siamo in grado di aiutarli a raggiungerlo.”

Mount Snow Academy
Head Snowboarding Coach Steve Kwasniewski ("Kwas") © Thomas O'Hara

Quando Lynne parla dell'impegno della scuola nelle materie diverse dalle piste, non scherza. La MSA vanta docenti eccellenti, molti dei quali con un passato nei prestigiosi istituti della Ivy League, con una vera passione per le materie didattiche insegnate.

Il concetto di far crescere l'individuo nel suo insieme è una filosofia sostenuta da docenti, studenti, ex allievi e allenatori. L'ex allenatore di Kelly, Steve Kwasniewski, soprannominato “Kwas” nell'ambiente degli sport invernali, conferma questa sensazione e afferma “Che ci crediate o no, non è importante che un ragazzo arrivi alla MSA con delle abilità specifiche. Il mio studente ideale non è per forza il miglior atleta. Un ragazzo deve essere soprattutto aperto e desideroso di apprendere. Ha bisogno di essere motivato, di voler alzarsi presto al mattino e lavorare sodo tutto il giorno. Solo dopo si può pensare a sviluppare le sue potenzialità.”

Mount Snow Academy
© Thomas O'Hara

Kelly ci ha spiegato che il modo di sfruttare capacità e ambizioni e di definire le vittorie dipende da ciascuno di noi: “Quando ho visto le olimpiadi nel '98 ho capito che era quello che volevo. Le ho viste alla MSA su una videocassetta e in quel momento mi sono detta Ecco cosa voglio fare.” La sua carriera è stata segnata fin dall'inizio da ottimi risultati. Solo nell'ultimo anno e mezzo ha ottenuto ben 15 titoli mondiali e nel 2002 è salita sul gradino più alto del podio olimpico: un momento che lei stessa definisce “molto difficile da descrivere... un'esperienza travolgente”. Quando le abbiamo chiesto qual è stato il suo più grande successo ci ha dato una risposta sorprendente:

“Ho ottenuto molti successi durante la mia carriera. Penso che le due medaglie olimpiche siano state le più importanti per me... Ma sono particolarmente orgogliosa del (bronzo) di Vancouver perché ha richiesto grande coraggio per inseguire i miei sogni olimpici anche dopo il quarto posto del '06. Spesso attribuisco un valore alle cose in base all'impegno che hanno richiesto.”

Un punto di vista che Kwas e Lynne apprezzerebbero di certo. Forse la nostra indagine su come diventare dei campioni negli sport invernali non ci ha permesso di imparare come eseguire un McTwist, ma ci ha fatto scoprire che molti degli elementi che consentono di raggiungere il successo sulle piste sono la dedizione e la concentrazione, doti necessarie per svolgere qualsiasi professione.
 
Siamo entusiasti di essere i vostri inviati speciali da LAAX, in Svizzera, per i Burton European Open, alla presenza di tanti atleti di grande talento e di potervi tenere aggiornati sui risultati di questi professionisti di superpipe e slopestyle. Per trasmettere a tutti delle buone vibrazioni, vi salutiamo con una frase di Kelly:

Kelly Clark, 1st Place at the Burton European Open in 2011
Kelly Clark, 1st Place at the Burton European Open in 2011

“Continuate a divertirvi. Capite chi siete, al di là di ciò che fate. Se il vostro valore e la vostra identità dipendono da una sola cosa ci saranno alti e bassi. I risultati influenzeranno il vostro stato d'animo. Preoccupandovi troppo non riuscirete a cogliere il lato divertente delle cose.
 
Scoprite quanto valete. Stabilite innanzitutto chi siete. E fate lo stesso con la vostra passione.”

Evidentemente Kelly ha preso molto sul serio lo spirito della Mount Snow Academy. Parole davvero preziose. Non perdetevi le ultime notizie su Kelly e sui Burton European Open nei prossimi giorni.

Related Links:

Kelly Clark on Burton
Kelly Clark Foundation
Mount Snow Academy
Mount Snow on Facebook
Burton Global Open Series

Condividi

facebook
googlePlus
pinterest
stumbleUpon
E-Mail
Separa più indirizzi e-mail con una virgola.

Concorso Di Design Open Road: Annuncio Dei Vincitori!

24. settembre 2014
Open Road Design Competition: Winners Announced!

Ancora una volta la community MINI Space ha risposto con entusiasmo ed energia, dimostrando di avere creatività da vendere. Il concorso di design Open Road ha invitato i partecipanti a spingere la propria originalità alla massima potenza: scopri qui i vincitori.

The MINI International Vol. 42

Scoperte: Made in Britain

02. ottobre 2014
The MINI International Vol. 42 Navigator: Made in Britain

Creativo, originale, impegnato, attento al design e alle sue origini: il marchio Private White V.C. di Manchester ha numerose qualità in comune con la nuova MINI 5 porte.

The MINI International Vol. 42

L’esperto MINI: Visione Stupenda

02. ottobre 2014
The MINI International Vol. 42 MINI Master: Pure Vision

Cosa si ottiene dall'incrocio fra l'eccentricità britannica, la tecnica tedesca e il gusto italiano? La MINI SuperleggeraTM Vision, l'ultima concept MINI, che propone una nuova interpretazione dell'icona automobilistica vista dalla leggendaria Touring Superleggera milanese, famosa per le sue concept.

The MINI International Vol. 42

Escursione: Salita Sudue Ruote

02. ottobre 2014
The MINI International Vol. 42 Extra Miler: Wuthering Heights

Due amici siciliani posteggiano la loro MINI Cooper Paceman a Catania e ci accompagnano in mountain bike sull'Etna. Il paesaggio quasi lunare che caratterizza i versanti del vulcano è il fondo stradale perfetto non solo per le loro biciclette, ma anche per la MINI Cooper Countryman.

MINI Space Mixtape: Playlist per Concludere Serenamente L’estate

29. settembre 2014
MINI Space Mixtape: Tracks for a Leisurely Late Summer

Rilassati e guarda il sole tramontare all'orizzonte ascoltando questi sei brani che annunciano l'arrivo dell'autunno.

Top Chop: Un Gioiellino della Meccanica dal Somerset

17. ottobre 2014
Top of the Chops: One Somerset Tinkerer's Pride and Joy

La Mini Classic di Andy Knight con verniciatura originale effetto legno attira su di sé tutti gli sguardi. Scopri questo singolare gioiellino della meccanica, proveniente dal Somerset!