Menu

userImg showBgrSwitcher

Sfondo creato da

userImg

Grazie!

Menu

Profilo del mese: riflettori puntati sulla fashion designer svedese Annika Wieselblad

Per i fashion addicted il mese di febbraio significa una sola cosa: la Settimana della Moda. Ma mentre gli occhi del mondo della moda sono puntati sulle passerelle di Parigi, Milano, Berlino, New York e Londra, gli shopper più attenti ti diranno che la tendenza del momento sono i marchi svedesi.

Dietro al lusso e all'eleganza dei protagonisti della scena mondiale, per molti anni la Svezia si è dedicata interamente ai suoi personali e gloriosi marchi sartoriali giovanili quali Acne, Cos, Cheap Monday e, ovviamente, H&M. Abbiamo incontrato Annika Wieselblad, la mente che si cela dietro al marchio svedese di abbigliamento più in voga del momento, Wieselblad. Accuratamente selezionato dal Swedish Fashion Council come uno dei brand più entusiasmanti del momento nella capitale svedese, Annika vende ora le sue creazioni in sei negozi sparsi tra la Svezia e a Berlino (e online). 

Annika Wieselblad
Annika Wieselblad

Come descriveresti lo stile di Wieselblad?

Sono piuttosto orientata verso un design semplice, minimalista, ma al quale aggiungo un tocco personale. Amo pensare che i vestiti siano come uno scudo protettivo contro il mondo esterno. Perciò i tagli e le forme dei capi sono particolarmente importanti ai miei occhi. 

Come sei entrata nell'universo del fashion design?

Ho incominciato a cucire quando avevo dieci anni. I miei nonni regalarono a me e a mia sorella una macchina da cucire, ma sono l'unica ad averla usata. All'inizio modificavo vecchi vestiti, ma in un secondo momento ho cominciato a creare i miei capi personali. Mio nonno ci regalò anche una chitarra, ma la macchina da cucire ebbe la meglio su tutto il resto. Successivamente ho studiato fashion design e ho deciso di lanciarmi in questa avventura.

Annika Wieselblad
Autunno Inverno 2011/2012 © Wieselblad

Dove trovi l'ispirazione per le tue creazioni?

Per la collezione di una stagione mi sono ispirata alla mitologia greca. Per un'altra ho letto delle poesie di Dylan Thomas. E quando mi siedo al tavolo di disegno, mi lascio sempre molto influenzare dal cinema e dalla musica. Credo che dipenda dall'umore del momento. Ma principalmente lascio che siano le forme, la qualità e il desiderio di distinguersi dalla massa, intese a modo mio, a dettare le regole. 

Wieselblad - Autumn Winter 2012
Autunno Inverno 2011/2012 © Wieselblad

Com'è stato creare il tuo marchio personale?

Non è facile creare il proprio marchio. Dico sul serio, per ora la mia più grande sfida è stata non andare in fallimento dopo il primo anno. Ci sono molti aspetti del mestiere che devi imparare così, su due piedi. Essere solo creativi non basta: devi avere anche un certo fiuto per gli affari. Devi saper fare molte cose.

Wieselblad
Primavera Estate 2012 © Wieselblad

Se potessi partecipare ad una delle tante Settimane della Moda, quale sceglieresti? Lo stile di quale città ti stimola di più?

Mi piacerebbe sfilare alla London Fashion Week. Anche se le passerelle newyorkesi sono altrettanto allettanti. Ma sto per trasferirmi a Londra per qualche tempo, quindi sarò fedele alla mia nuova città e dico Londra. 

Wieselblad
Autunno Inverno 2011/2012 © Wieselblad

Come descriveresti lo scenario della moda in Svezia?

Al momento direi fantastico, in pieno boom, con tanti nuovi marchi e talentuosi designer. Ovviamente non è grande come Parigi o New York, ma a dispetto della quantità qui si ricerca la qualità. Esiste davvero un “look svedese”, credo che molti stilisti svedesi scelgano di usare colori più scuri, meno appariscenti, a causa del tempo. Perché, diciamocelo, qui si sta bene 7 mesi all'anno. 

Wieselblad
Autunno Inverno 2011/2012 © Wieselblad

Qual è lo stilista che ammiri di più?

In realtà gli stilisti che ammiro cambiano spesso, ma in questo momento mi piace la nuova collezione di Calvin Klein e le ultime stagioni di Proenza Schouler.

Chi vorresti vedere sfilare con le tue creazioni?

Mi piacerebbe vestire Chloë Sevigny o la nostra popstar di casa, Lykke Li.

Wieselblad
Primavera Estate 2012 © Wieselblad

Quale consiglio daresti a tutti gli aspiranti stilisti?

Lavorate sodo per ciò in cui credete e non arrendetevi mai. Coltivate il vostro talento con tanta dedizione. Ma se lavorerete sodo, andrà tutto bene.

da Ally Kingston

Link esterni:

Annika su MINI Space
Wieselblad su Facebook

Wieselblad

Condividi

facebook
googlePlus
pinterest
stumbleUpon
E-Mail
Separa più indirizzi e-mail con una virgola.

Grande Vittoria di una MINI “fai da te”: Pilota non Professionista vince in Costa Rica

04. agosto 2014
DIY MINI Race Car Wins Big: Watch An Amateur Racer Steal The Show

Chris Wilson, nativo di Nottingham, ha preso una MINI dal carrello di uno shop online e l'ha portata sul podio più alto. Scopri qui come ha fatto.

Dezeen and MINI Frontiers: Pronti per lo Spazio con Lucy McRae

07. agosto 2014
Dezeen and MINI Frontiers: Suiting Up for Space with Lucy McRae

Quando la tecnologia ci trasporta al di fuori di questo mondo, come reagisce il nostro corpo durante il lungo viaggio nello spazio? Lucy McRae esplora tutti i modi per prepararsi all'ultima frontiera.

Dezeen and MINI Frontiers: Scansiona gli Spazi con Pernilla Ohrstedt

20. agosto 2014
Dezeen and MINI Frontiers: Scanned Spaces with Pernilla Ohrstedt

Dezeen and MINI Frontiers sbircia nel futuro della navigazione driverless insieme a Pernilla Ohrstedt, impegnata ad esplorare la mobilità virtuale in un mondo digitale in costante evoluzione.

L’icona in 1077 Pezzi: Presentazione della Mini Classic LEGO®

25. luglio 2014
Build Your Own Icon in 1077 Tiny Elements: Introducing the LEGO® Classic Mini

Scopri come costruire una Mini Classic partendo da zero, senza essere un meccanico esperto.

Mini Classic a Berlino: Arte e Avventura con Amrei Andrasch

14. agosto 2014
Classic Mini in Berlin: Art and Adventure with Amrei Andrasch

Amrei Andrasch è un'artista che lavora a Berlino e dà vita alla carta realizzando sculture e animazioni. Continua a leggere e scopri di più sul suo lavoro e su come la sua Mini Classic riempie le strade di Berlino di libertà e divertimento.

Dezeen and MINI Frontiers: Gli Avatar Automobilistici di Matthew Plummer-Fernandez

29. luglio 2014
Dezeen and MINI Frontiers: Automotive Avatars with Matthew Plummer-Fernandez

Il designer Matthew Plummer-Fernandez guarda al futuro delle interfacce software e immagina avatar 3D personalizzati che cambierebbero per sempre il nostro modo di interagire con le auto.