Menu

userImg showBgrSwitcher

Sfondo creato da

userImg

Grazie!

Menu

Profilo del mese: riflettori puntati sulla fashion designer svedese Annika Wieselblad

Per i fashion addicted il mese di febbraio significa una sola cosa: la Settimana della Moda. Ma mentre gli occhi del mondo della moda sono puntati sulle passerelle di Parigi, Milano, Berlino, New York e Londra, gli shopper più attenti ti diranno che la tendenza del momento sono i marchi svedesi.

Dietro al lusso e all'eleganza dei protagonisti della scena mondiale, per molti anni la Svezia si è dedicata interamente ai suoi personali e gloriosi marchi sartoriali giovanili quali Acne, Cos, Cheap Monday e, ovviamente, H&M. Abbiamo incontrato Annika Wieselblad, la mente che si cela dietro al marchio svedese di abbigliamento più in voga del momento, Wieselblad. Accuratamente selezionato dal Swedish Fashion Council come uno dei brand più entusiasmanti del momento nella capitale svedese, Annika vende ora le sue creazioni in sei negozi sparsi tra la Svezia e a Berlino (e online). 

Annika Wieselblad
Annika Wieselblad

Come descriveresti lo stile di Wieselblad?

Sono piuttosto orientata verso un design semplice, minimalista, ma al quale aggiungo un tocco personale. Amo pensare che i vestiti siano come uno scudo protettivo contro il mondo esterno. Perciò i tagli e le forme dei capi sono particolarmente importanti ai miei occhi. 

Come sei entrata nell'universo del fashion design?

Ho incominciato a cucire quando avevo dieci anni. I miei nonni regalarono a me e a mia sorella una macchina da cucire, ma sono l'unica ad averla usata. All'inizio modificavo vecchi vestiti, ma in un secondo momento ho cominciato a creare i miei capi personali. Mio nonno ci regalò anche una chitarra, ma la macchina da cucire ebbe la meglio su tutto il resto. Successivamente ho studiato fashion design e ho deciso di lanciarmi in questa avventura.

Annika Wieselblad
Autunno Inverno 2011/2012 © Wieselblad

Dove trovi l'ispirazione per le tue creazioni?

Per la collezione di una stagione mi sono ispirata alla mitologia greca. Per un'altra ho letto delle poesie di Dylan Thomas. E quando mi siedo al tavolo di disegno, mi lascio sempre molto influenzare dal cinema e dalla musica. Credo che dipenda dall'umore del momento. Ma principalmente lascio che siano le forme, la qualità e il desiderio di distinguersi dalla massa, intese a modo mio, a dettare le regole. 

Wieselblad - Autumn Winter 2012
Autunno Inverno 2011/2012 © Wieselblad

Com'è stato creare il tuo marchio personale?

Non è facile creare il proprio marchio. Dico sul serio, per ora la mia più grande sfida è stata non andare in fallimento dopo il primo anno. Ci sono molti aspetti del mestiere che devi imparare così, su due piedi. Essere solo creativi non basta: devi avere anche un certo fiuto per gli affari. Devi saper fare molte cose.

Wieselblad
Primavera Estate 2012 © Wieselblad

Se potessi partecipare ad una delle tante Settimane della Moda, quale sceglieresti? Lo stile di quale città ti stimola di più?

Mi piacerebbe sfilare alla London Fashion Week. Anche se le passerelle newyorkesi sono altrettanto allettanti. Ma sto per trasferirmi a Londra per qualche tempo, quindi sarò fedele alla mia nuova città e dico Londra. 

Wieselblad
Autunno Inverno 2011/2012 © Wieselblad

Come descriveresti lo scenario della moda in Svezia?

Al momento direi fantastico, in pieno boom, con tanti nuovi marchi e talentuosi designer. Ovviamente non è grande come Parigi o New York, ma a dispetto della quantità qui si ricerca la qualità. Esiste davvero un “look svedese”, credo che molti stilisti svedesi scelgano di usare colori più scuri, meno appariscenti, a causa del tempo. Perché, diciamocelo, qui si sta bene 7 mesi all'anno. 

Wieselblad
Autunno Inverno 2011/2012 © Wieselblad

Qual è lo stilista che ammiri di più?

In realtà gli stilisti che ammiro cambiano spesso, ma in questo momento mi piace la nuova collezione di Calvin Klein e le ultime stagioni di Proenza Schouler.

Chi vorresti vedere sfilare con le tue creazioni?

Mi piacerebbe vestire Chloë Sevigny o la nostra popstar di casa, Lykke Li.

Wieselblad
Primavera Estate 2012 © Wieselblad

Quale consiglio daresti a tutti gli aspiranti stilisti?

Lavorate sodo per ciò in cui credete e non arrendetevi mai. Coltivate il vostro talento con tanta dedizione. Ma se lavorerete sodo, andrà tutto bene.

da Ally Kingston

Link esterni:

Annika su MINI Space
Wieselblad su Facebook

Wieselblad

Condividi

facebook
googlePlus
pinterest
stumbleUpon
E-Mail
Separa più indirizzi e-mail con una virgola.

Un uomo. 10 tatuaggi. Incontra un fan MINI con una passione indelebile

20. ottobre 2014
One Man. 10 Tattoos: Meet the MINIac with a Permanent Passion

Incontra il fan che possiede un numero di tatuaggi MINI finora imbattuto. Scopri i tatuaggi MINI e le numerose MINI modificate di Spiros e guarda come i fan MINI continuano a spingersi sempre più in là, alzando il tiro.

The MINI International Vol. 42

Motorama: Batti Cinque

02. ottobre 2014
The MINI International Vol. 42 Motorama: Batti Cinque

È finita l’attesa di tutti i fan: la nuova MINI 5 porte è arrivata. Altri due sportelli, tanto spazio in più... e non si ferma qui.

The MINI International Vol. 42

Scoperte: Made in Britain

02. ottobre 2014
The MINI International Vol. 42 Navigator: Made in Britain

Creativo, originale, impegnato, attento al design e alle sue origini: il marchio Private White V.C. di Manchester ha numerose qualità in comune con la nuova MINI 5 porte.

MINI Space Mixtape: Playlist per Concludere Serenamente L’estate

29. settembre 2014
MINI Space Mixtape: Tracks for a Leisurely Late Summer

Rilassati e guarda il sole tramontare all'orizzonte ascoltando questi sei brani che annunciano l'arrivo dell'autunno.

The MINI International Vol. 42

Motorama: Coppia Vincente

02. ottobre 2014
The MINI International Vol. 42 Motorama: Two of a Kind

Sempre amate, più che mai desiderabili: nuova MINI Paceman e nuova MINI Countryman.

The MINI International Vol. 42

La mia MINI: A Modo Mio

02. ottobre 2014
The MINI International Vol. 42 La mia MINI: A modo mio

Quando al volante si trovano persone originali... ecco quattro MINI veramente diverse.